Il prossimo uomo nel letto Säbener Strasse, Carlo Ancelotti, sarà un po ‘meno erotico ma, sperano, molto più facile da vivere. E per la competitività interna della Bundesliga, la partenza di Pep sarà certamente considerata una buona notizia. A differenza del 44enne, che ha paragonato i giochi di campionato a “pizza e hamburger ogni giorno” ma ha sempre mantenuto l’appetito di divorare anche la tariffa più moderata, Ancelotti è chiaramente più eccitato dall’alta cucina internazionale.Pep Guardiola: un genio con un dono per il coaching e l’abitudine di litigare | Raphael Honigstein Per saperne di più

In 20 anni nei migliori club in Italia, Inghilterra, Francia e Spagna, il 56enne ha vinto il maggior numero di trofei della Champions League (tre) come campionati.Il Bayern scoprirà presto se l’approccio a bassa intensità di Ancelotti nei rapporti con i suoi superiori e lo spogliatoio può combinare la beatitudine domestica con livelli di prestazione adeguati.

L’influenza di Guardiola in Germania continuerà oltre la sua presenza effettiva, tanto è certo. Nel Borussia Dortmund, ora c’è una seconda squadra che gioca a “super football” alla Pep, con super gegenpressing, super palla circolazione, super giocatori e soprattutto un super, super coach, il discepolo “fuori” Guardiola Thomas Tuchel.Il suo secondo posto Black and Yellows ha subito una rara sconfitta in trasferta contro l’FC Köln sabato (2-1), ma hanno fatto così bene e segnato così tanti gol (84) nei primi sei mesi di Tuchel in carica che potevano permettersi di vedere il l’imbroglio pre-natalizio come l’equivalente di quell’ultima giornata improduttiva in ufficio quando la gente si aggira, nessuno e niente funziona e nessuno se ne preoccupa. “Abbiamo tutti meritato di andare in vacanza ora, incluso me stesso”, dichiarò Tuchel. Facebook Twitter Pinterest Pep Guardiola lascia il Bayern Monaco a fine stagione – video report

Chi potrebbe non essere d’accordo? La prima metà del 2015-16 ha mostrato il miglior volo della Germania, una divisione una volta governata da centrocampisti alfa-maschi, come lega manageriale. Kicker ha nominato il Man of the Year di Darmstadt il premio Dirk Schuster nell’edizione di lunedì.Una buona scelta di fronte alla promozione senza budget dei Gigli e alla partenza eccellente per la nuova stagione. Ma avrebbero potuto facilmente scegliere Tuchel, Pal Dardai (Hertha), André Schubert (Borussia Mönchengladbach), Ralph Hasenhüttl (Ingolstadt) o Markus Weinzierl (Augsburg), che stanno facendo miracoli con le rispettive squadre. (Kicker avrebbe potuto anche scegliere Guardiola, in verità, ma a loro non piace Guardiola, quindi non era un’opzione possibile.

Roger Schmidt di Leverkusen, un uomo che non sembrerebbe fuori posto un detective della polizia in uno spettacolo tea time terrestre ambientato a Paderborn e il dirigente di Wolfsburg Dieter Hecking, che è stato un vero polizeimeister per tre anni prima della sua carriera, potrebbe ancora, sì, interpretare un elogio simile con un po ‘più di coerenza dopo il pausa invernale.Anche Martin Schmidt (Mainz), Bruno Labbadia (HSV) e Schalke André Breitenreiter stanno facendo lavori decenti. Nel complesso, la qualità del coaching è stata molto alta, da bridezilla down.

Ci sono delle eccezioni, ovviamente. Victor Skripnik potrebbe vedere le sue vacanze invernali prolungate all’infinito. La sua squadra del Werder Bremen si è persa con l’Eintracht Frankfurt in un modo che aveva il giornale locale Weser-Kurier che fissava ansiosamente una sfera di cristallo. “Quattro mesi per andare. Per quanto tempo il Brema è ancora autorizzato a giocare in Bundesliga, almeno “, hanno scritto,” non un sacco di tempo per un miracolo. Non c’è molto da cui ispirare speranza. “

Il VfB Stuttgart, tuttavia, può dormire un po ‘più facilmente nelle prossime settimane. L’entusiasmante vittoria per 3-1 del Wolfsburg sul Wolfsburg li ha portati al 15 ° posto e ha pacificato i tifosi.Il cecchino di centrocampista Daniel Didavi ha segnato due gol contro i visitatori, che si dice fortemente abbiano concordato con lui i termini per la prossima stagione. Il venticinquenne ha escluso una mossa nella finestra invernale, però: “Sto fermo, al 100%.” ​​Così è Jürgen Kramny. Il manager ad interim è stato promosso allenatore proprio il giorno dopo la quarta vittoria del VfB. “Lui e il suo staff hanno dimostrato che possono far funzionare la squadra”, ha detto il direttore sportivo, Robin Dutt.

Kramny aveva attenuato l’eccessivo gioco del suo predecessore Alexander Zorniger posizionando la sua squadra più a fondo . Il club, nell’ora del bisogno, ha fermato la rivoluzione e ha fatto ritorno a un programma più pragmatico. “Prima di tutto, il nostro modo deve essere: vincere i giochi”, ha detto Dutt.È una delle grandi ironie che Stoccarda, il luogo di nascita della omonima scuola calcistica con lo stesso nome in Germania, deve ancora adattare lo stile con successo. Forse Kramny sarà un po ‘più audace una volta che ci saranno altri punti sulla scacchiera.

Tutti saranno rivelati a tempo debito. Nel frattempo, Liebe Freunde, hai un super, super Natale e anche un super anno nuovo.