“Se ama così tanto il Kosovo e decide di sfoggiare la bandiera, perché ha rifiutato la possibilità di giocare per la loro squadra?” ha chiesto Aleksandar Mitrovic quando ha scelto lo stivale di Shaqiri – per bilanciamento, una bandiera svizzera è visualizzata alla sua sinistra scarpa – è stata sollevata la scorsa settimana. Che Mitrovic abbia deciso di rispondere al fuoco ha 1xbet raccontato abbastanza di una storia. Qualsiasi scusa per il trabocco tra Kosovo e Serbia, che rifiuta di riconoscere il primo come uno stato indipendente, tende a essere colta in un lampo e Shaqiri aveva reso pubblici i suoi sentimenti pubblicando una foto di Instagram dei suoi stivali il mese scorso.La reazione online e nei media serbi – “Provokacija” (provocazione) essendo un tema importante e onorato nel tempo – è stata oltraggiosa, ma Shaqiri, almeno, potrà contare sulla forza dei numeri se il sangue cattivo si riversa sul campo. Un altro record di Ronaldo, con la Spagna al margine dell’Iran e la spalla di Southgate – World Cup Football Daily Leggi di più

Granit Xhaka e Valon Behrami sono gli altri probabili avviatori della Svizzera con l’eredità kosovara; tutte le loro 1xbet famiglie lasciarono il Kosovo, che sarebbe stato devastato dalla guerra tra le forze locali e l’attuale Serbia, tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90, e il risultato è una modernissima configurazione europea del calcio. Prima che il Kosovo venisse riconosciuto da Fifa e Uefa nella primavera del 2016 e gli fosse permesso di giocare in maniera competitiva, i suoi figli lontani erano la sua voce più rumorosa sulla scena sportiva internazionale.La Svizzera, con i suoi 200.000 residenti kosovari stimati e la ricchezza di talenti calcistici del paese, è stata sostenuta al posto della propria squadra nazionale. More: top-bonus-news.com